Antonino Cardillo

Casa della Luna di Cemento


In segreto, ciascuno è attratto da ciò che teme e a volte la paura risveglia desideri inconfessabili. Rimaniamo turbati nel riconoscere che in luoghi remoti del nostro universo interiore alberga anche ciò che in apparenza ci è estraneo. Scopriamo a volte che identità e differenza sono concetti ambigui e, spesso, paradossalmente, la differenza diventa uno strumento di indagine della propria identità.


La Casa della Luna di Cemento (2008) è la quinta delle sette case immaginarie disegnate dall'architetto siciliano Antonino Cardillo. Simulazione fotografica di Antonino Cardillo.


Due luoghi distinti di un’abitazione diventano qui pretesto per raccontare una storia tra due diverse identità formali. Disegnata per un sobborgo di Melbourne all'interno di un lotto rettangolare, la casa è composta da due parti: una parte pubblica, che in alzato sembra la carena di una nave rovesciata o una buffa luna di cemento d’improvviso affiorante da uno specchio d’acqua, la cui stesura in pianta è caratterizzata da una deviazione dal percorso rettilineo; l’altra parte privata, realizzata da un lungo edificio, aderente al perimetro del lotto, che definisce un porticato aperto al giardino e chiuso al parcheggio.


La Casa della Luna di Cemento (2008) è la quinta delle sette case immaginarie disegnate dall'architetto siciliano Antonino Cardillo. Simulazione fotografica di Antonino Cardillo.

Nello realizzarsi dentro lo spazio, ciascuna delle due entità geometriche mantiene memoria di una presunta origine comune. Così memorie dell’una appaiono nell’altra. La strategia di occupazione dello spazio va, pertanto, al di là della semplice giustapposizione delle parti.


La Casa della Luna di Cemento (2008) è la quinta delle sette case immaginarie disegnate dall'architetto siciliano Antonino Cardillo. Simulazione fotografica di Antonino Cardillo.

I suoni dell’una risuonano nell’altra; soprattutto nell’ampia cavea della sala, dove l'unità della forma dello spazio introduce il dubbio su dove finisca l’identità dell’una e dove cominci la differenza dell’altra.


La Casa della Luna di Cemento (2008) è la quinta delle sette case immaginarie disegnate dall'architetto siciliano Antonino Cardillo. Simulazione fotografica di Antonino Cardillo.


Architetto: Antonino Cardillo
Cliente: Laura e Livio De Marchi
Progettata dal settembre all’ottobre del 2008
Indirizzo: Kew, Melbourne, Australia



BIBLIOGRAFIA

«DEAR Magazin», no.1, aprile 2017, Berlino, pp.68-85.
IACSA.eu, vol.4, no.1, maggio 2013, Basilea.
S AM 10, Schweizerisches Architekturmuseum, marzo 2013, Basilea.
«Frankfurter Allgemeine Zeitung», 11.2.13, Francoforte sul Meno.
«Opere», no.32, ottobre 2012, Firenze, pp.52-56.
bkult.de, 10.9.12, Berlino.
german-architects.com, 29.7.12, Stoccarda.
«Der Spiegel», no.27, luglio 2012, Amburgo.
«build», maggio 2011, Wuppertal.
«IAoC», novembre 2011, Pechino.
«Projekt», settembre-ottobre 2010, Praga.
«Landscape Design», no.37, Pechino.
«Tasarim», no.199, Istanbul.
«A+A», no.12, Città del Messico.
«Inside Outside», no.296, Mumbai.
«Noi-That», no.102, Vietnam.
«Shortlist», no.109, Londra.
«DNA magazine», no.119, Sydney.



Prospettive

Opere

Un’Antologia

Esposizioni

Biografia

Bibliografia

Contatto

English · Italiano


Casa della Luna di Cemento © Antonino Cardillo