Cardillo

Casa dei Dodici

Opera di architettura
di Antonino Cardillo

Casa indipendente, Melbourne, Australia — 1 maggio 2009



Scenario

Le rovine romane tardo antiche hanno ispirato quest’opera: quelle difformità che nel Settecento apparvero ai viaggiatori europei del Gran Tour come visioni fantastiche.


Antonino Cardillo, Casa dei Dodici, Melbourne, 2009. IGC: Antonino Cardillo

Più dell’originale, affascina quello stato di progressiva distruzione che un tempo millenario scava, disvelando i più oscuri recessi della forma. Così, la rovina ci parla del tempo che passa. Della bellezza che muore, e che nel suo lento decadere evoca un racconto traverso, incastrato tra un inizio e una fine.


Antonino Cardillo, Casa dei Dodici, Melbourne, 2009. IGC: Antonino Cardillo

Casa dei Dodici propone una risposta fantastica ad una storia interrotta. Perseguendo vie empiriche, è costruita su mutazioni di idee antiche e moderne, come il tema di cerchi intersecati e la sequenza di spazi che accomunano Villa Adriana a Tivoli ed alcuni progetti di Frank Lloyd Wright.


Antonino Cardillo, Casa dei Dodici, Melbourne, 2009. IGC: Antonino Cardillo

Collisioni e giustapposizioni, echi lontani dell’American Center di Frank Gehry, caratterizzano il fronte della casa. Forme rotonde appaiono dalla strada come scavate. Conferiscono spessore alla facciata, rendendola permeabile al sole d’inverno.


Antonino Cardillo, Casa dei Dodici, Melbourne, 2009. IGC: Antonino Cardillo

Così, l’invaso del salone e la sua volta dorata riverberata dall’acqua ai bordi, appare sul cortile come una camera di luce.


Antonino Cardillo, Casa dei Dodici, Melbourne, 2009. IGC: Antonino Cardillo

Antonino Cardillo, Casa dei Dodici, Melbourne, 2009. IGC: Antonino Cardillo