Cardillo

architettura

opere  / culturale  / min  /

Min al Soane

, Londra


Serie di sette sculture che collegano l’arco al fallo parte della esposizione LDF Space and Light al Sir John Soane’s Museum




Min al Soane


Fin dal sepolcro etrusco, ancor prima di comparire quale elemento strutturale nella storia dell’architettura, l’arco derivò la sua figura dal fallo. Ispirata al Dio egizio della fertilità, la serie delle sette sculture Min esposta al Sir John Soane’s Museum indaga l’origine del sacro. Il passaggio dal quadrato al cerchio è un tema fondativo dell’architettura. Min risolve la transizione dal parallelepipedo alla sfera attraverso l’intersezione dei due solidi, individuando un monolite con quattro lati arcuati ed una cupola semisferica. Il risultato formale di Min è anche memore dei canopies di John Soane e delle più tarde Red Telephone Box, le rosse cabine del telefono di Londra disegnate da Giles Gilbert Scott. che, a sua volta, prese ispirazione dalla tomba di famiglia dei Soane nel cimitero di St Pancras Old Church.

Spazio e Luce, Sir John Soane’s Museum, Londra, 13 sett.–11 ott. 2014.


Min al Soane


I misteri dionisiaci erano un rituale dell’antica Grecia e Roma. Questi riti erano spesso associati alle donne. Comportavano la liberazione dalle regole e dai vincoli della civiltà. Celebravano un ritorno alla fonte dell’essere. Comportavano anche la fuga dalla personalità socializzata e dall’ego in uno stato estatico e divinizzato o nel primordiale. Tale attività veniva interpretata come fertilizzante, tonificante, catartica, liberatoria e trasformativa. Molti devoti di Dioniso erano quelli ai margini della società: donne, schiavi, fuorilegge e stranieri. Tutti erano uguali in un culto che invertiva i loro ruoli. Le feste erano orge di vino e sesso: su tutto regnava il fallo.

https://en.wikipedia.org/wiki/Dionysian_Mysteries, accesso 8 nov. 2013.


Min al Soane




Dati

  • Tempo: ago. 2013 (progetto), ago. 2014 (produzione, testo), sett. 2014 (fotografia), 13 sett.–11 ott. 2014 (esposizione)
  • Luogo: Sir John Soane’s Museum, 12 Lincoln’s Inn Fields, Holborn, London, UK
  • Materiale: calcarenite (VII), marmi (I–III, V) onice (IV, VI)
  • Tipologia: talismano




Crediti

  • Progetto di architettura: Antonino Cardillo
  • Committente: Sir John Soane’s Museum (direttore: Abraham Thomas; MD del Soane Museum Enterprises: Xanthe Arvanitakis; assistente comunicazione: Maxwell Blowfield; addetto vendite: Olly Perry)

  • Produzione, sponsor: Daniele Ghirardi (Ghirardi Stone Contractor)

  • Acquirenti: Ana Araujo (II), Banca d’Italia a Londra (IV, VI), Massimiliano Beffa (III), Antonino Cardillo (V), Daniele Ghirardi (VII) ed Anna Marra (I)

  • Fotografia, testo: Antonino Cardillo

  • Grazie ad Ana Araujo, Anna Marra, Siobhan Henderson




Pubblicazioni

  • Antonino Cardillo, ‘A synchronicity of cultures and civilisations’, conferenza parte di Dessauer Gespräche, cur. Johannes Kister, Hochschule Anhalt, Dessau Institute of Architecture, 13 nov. 2019.
  • Ana Araujo, ‘Da nobis hodie incantum quotidianum’ (pdf), Design Exchange, vol. 1, n. 12, Londra, ago. 2015, pp. 108‑109.
  • Antonino Cardillo, ‘Falsche Freunde, Baunetzwoche, n. 403, cur. Kristina Herresthal, Lisa Kadel, BauNetz, Berlino, mar. 2015, p. 25.
  • Maxwell Blowfield, Space and light (pdf) [comunicato stampa], Sir John Soane’s Museum, Londra, 7 ago. 2014.