Realtà Costruite

Goethe‑Universität, Deutschen Architekturmuseum, Francoforte sul Meno, 


Università di Goethe

Sul rapporto tra le pratiche dei media e la concezione dell’architettura

Di Chris Dähne, Frederike Lausch e Bettina Rudhof

L’Elbphilharmonie esiste già. 12 anni fa, è stato presentato al pubblico nelle riviste patinate e nei portali di architettura digitale ed è quindi diventato da tempo una realtà e parte della nostra immagine della HafenCity di Amburgo nelle nostre menti. È discutibile se sentiremo ancora il bisogno di vederla nella vita reale dopo il suo completamento. La domanda di realtà del pubblico è già stata soddisfatta dai media visuali? La percezione di ciò che sarà costruito ci darebbe qualcosa di nuovo, qualcosa che desideriamo?

Partendo da un mezzo della disciplina architettonica —⁠ il modello, la visualizzazione, la fotografia, la programmazione parametrica e gli ambienti intelligenti —⁠ la complessa interrelazione tra la comprensione dell’architettura e i suoi dispositivi multimediali, da un lato deve essere affrontata. D’altra parte, è importante esaminare l’influenza di queste pratiche mediatiche sulla percezione e l’esame della presenza reale del costruito. Perché dobbiamo ancora occuparci dell’edificio quando possiamo guardare le descrizioni e le rappresentazioni del design presentateci in anteprima?

Pertanto, sorge la domanda su cosa succede alla nostra concezione dell’architettura sotto l’influenza di alcune pratiche mediatiche. Quanto ci ingannano le immagini dell’architettura? Oppure costruiamo mimeticamente la nostra realtà attraverso i media, e ciò quali conseguenze ha?


2015–2016 Serie di conferenze

VISUALIZZAZIONE
Falsa realtà. Le case dei sogni di Antonino Cardillo

1. dicembre 2015
18:00, Deutsches Architekturmuseum
Presentazione: Chris Dähne e Frederike Lausch
Presentazione del progetto: Antonino Cardillo (architetto Trapani/Italia)
Conferenza ospite: Carolin Höfler (Technische Hochschule Köln)
Discussione \ Moderatore: Chris Dähne und Frederike Lausch

MODELLAZIONE
Dall’analogico al digitale. Processi di progettazione presso Frank O. Gehry

19. gennaio 2016
17:30, Deutsches Filminstitut/ Filmmuseum

INGEGNERIA PARAMETRICA
Architettura senza designer. Programmazione con Karamba 3D

3. febbraio 2016
18:00, Deutsches Architekturmuseum

FOTOGRAFIA
Immagini costruite. Tra documentazione architettonica e reinvenzione

16. febbraio 2016
19:00, Deutsches Architekturmuseum

AMBIENTI INTELLIGENTI
Realtà costruite. Coinvolgimento del mondo virtuale e reale

1. marzo 2016
18:00, Deutsches Architekturmuseum


‘Visualisierung: Faked Reality. Die Traumhäuser von Antonino Cardillo’, Constructed Realities, Frankfurt am Main, Goethe–Universität / Deutsche Architekturmuseum. Fotografia: Antonino Cardillo

‘Visualisierung: Faked Reality. Die Traumhäuser von Antonino Cardillo’, Constructed Realities, Goethe‑Universität, Deutsche Architekturmuseum, Francoforte sul Meno. Fotografia: Antonino Cardillo


Falsa realtà.
Le case dei sogni di Antonino Cardillo


Presentazione del progetto

Di Antonino Cardillo

Ogni storia pretende di essere vera.
Quindi, di cosa parliamo quando parliamo di realtà?
E di cosa parliamo quando parliamo di falso?
L’Architettura è immaginazione?
Possiede una natura letteraria?
È un tentativo di capire l’invisibile?
L’architettura è un’idea?
Oppure, essa è solo una strategia per sostenere il business e la speculazione edilizia?
Quindi, di cosa parliamo quando parliamo di Architettura?


Modelli nella realtà.
Le promesse dell’immagine digitale di Antonino Cardillo

Di Carolin Höfler

Nel 2010, la rivista di design H.O.M.E. ha pubblicato un potente articolo sulla Casa delle Convessità dell’architetto italiano Antonino Cardillo in Spagna. In precedenza, Cardillo era stato nominato uno dei 30 giovani architetti più importanti della rivista londinese Wallpaper. Aveva inviato a numerosi media cartacei ed Internet i suoi disegni ed aveva dato l’impressione che le sue immagini mostrassero stanze costruite fisicamente. In realtà, tuttavia, si trattava di rendering computerizzati fotorealistici senza riferimento ad un edificio realizzato. Il giornalista austriaco Peter Reischer ha finalmente scoperto la confusione tra fotografia ed immagine.

La questione del perché l’inganno di Cardillo avesse avuto successo è stata discussa molte volte. La ragione del suo successo è stata soprattutto l’avidità sensazionalista e redditizia dei media, che mancano di precisione e controllo giornalistico. Inoltre, il suo approccio è stato considerato una critica all’attuale pratica architettonica, secondo cui gli architetti senza esperienza costruttiva non avrebbero avuto alcuna possibilità di ricevere un contratto, motivo per cui sarebbero costretti ad ingannare. D’altra parte, la domanda sul perché le immagini di Cardillo, che possono essere facilmente riconosciute come rendering, fossero preferite alle fotografie o addirittura percepite come fotografie, è rimasta sottoesposta.

Una possibile spiegazione di ciò sarebbe che le differenze tra immagine, modello e realtà vengono sempre più raffinate nell’attuale produzione architettonica. Da un lato, la realtà costruita è sempre più allineata con l’estetica fotorealistica delle immagini al computer, dall’altro, la post-produzione delle fotografie digitali contribuisce a farle sembrare rendering di modelli. Per ripensare il rapporto tra immagine e costruzione, sfida anche l’emergere di un tipo architettonico che può essere descritto come ‘edificio iconico’. Esso mira a creare immagini commerciabili che possano circolare con successo in un circuito di immagini globale ed attirare un pubblico di massa emotivamente piuttosto che intellettualmente. La lezione è dedicata alle immagini digitali di Cardillo dalla prospettiva completa di una sintesi di immagine, modello e realtà e riflette i suoi progetti come ‘visuali globali’.


Carolin Höfler, ‘Ken Adam, Moonraker / Antonino Cardillo, Ellipse 1501 House’, presentazione, p. 8.

Carolin Höfler, ‘Ken Adam, Moonraker / Antonino Cardillo, Ellipse 1501 House’, presentazione, p. 8.


Poster

Goethe–Universität’s Constructed Realities lecture series poster Die Traumhäuser von Antonino Cardillo at the Deutschen Architekturmuseum.

Poster ‘Falsa realtà. Le case dei sogni di Antonino Cardillo’ parte della serie di conferenze Realtà Costruite dell’Università di Goethe al Museo Tedesco dell’Architettura.


Fonte

Antonino Cardillo / Carolin Höfler, ‘Visualisierung: Faked Reality. Die Traumhäuser von Antonino Cardillo’, conferenza parte di Constructed Realities, cur. Chris Dähne, Frederike Lausch and Bettina Rudhof, Goethe‑Universität, Deutsche Architekturmuseum, Francoforte sul Meno, 1 dic. 2015.