www.antoninocardillo.com / opere / commerciale / come-una-scenografia /

Come una Scenografia

Milano



Sergio Rossi / rivista Wallpaper*

Simulazione e realtà si sovrappongono

Di

Spesso cinema ed architettura trovano un comune denominatore nell’allegoria, per cui un concetto astratto viene espresso attraverso un’immagine. Nel film di David Lynch L’Impero della Mente, la protagonista Nikki sovrappone la propria identità al ruolo dell’attrice che sta recitando. Le strutture narrative delle due vite si confondono. Più si va avanti, più diviene difficile discernere dove finisce la vita di Nikki ed inizia quella di Sue (ruolo recitato). Simulazione e realtà si sovrappongono. E quest’atto di sovrapposizione di significati all’interno di uno stesso nucleo identitario apre alla percezione prospettive prima celate e, così, ciascuna vita muta di significato. L’allestimento temporaneo qui presentato tenta una traslitterazione di questa idea del film di Lynch: l’architettura per Sergio Rossi crea un gioco di rimandi tra ordini ideali e reali, tra interni ed esterni. Si sovrappone, dialogando, alle diverse identità del luogo: dal contorno del negozio esistente, al fondale urbano della medievale Chiesa del Carmine, ai brani decorativi Art Nouveau dei palazzi vicini. Così, le relazioni oltre ad accadere nello spazio, si estendono anche nel tempo, nel dialogo, che è anche interpretazione, con i segni esistenti. L’idea dell’inserimento di un edificio dentro un altro, è oltretutto un tema ricorrente dell’architettura del passato: dalla medioevale schola cantorum della Basilica di Santa Maria in Cosmedin in Roma, a Leon Battista Alberti che, nel Tempietto a Firenze, simula una miniatura del Santo Sepolcro di Gerusalemme dentro un’ampia sala, alle esperienze barocche delle camere di luce e delle quinte sceniche del teatro, sino a giungere ai neoclassici canopies di John Soane che, ispirati dal non finito delle rovine romane, sembrano fluttuare in uno spazio fatto di luce. Suggerito dai telai effimeri delle scenografie, questo sistema costruttivo viene qui riproposto secondo una metrica mutuata dal razionalismo milanese del Novecento. Ma la natura razionalista di questo recinto è messa in discussione dalle contraddizioni che si determinano tra le diverse identità che abitano lo spazio: quella dell’istallazione vera e propria, quella residuale del locale esistente resa omogenea da una tinta grigio-blu, e quella dell’urbano di Brera, scandita dall’episodico passaggio del tramvai. Così lo spazio interno si propone al fruitore secondo un progressivo disvelamento di ambiti diversi e parzialmente nascosti che suggerisce una via alternativa al convenzionale interno open-space, il quale, offrendosi sin da subito alla vista, spesso inibisce l’immaginazione.


Fotografia

Di Antonino Cardillo

Antonino Cardillo, Come una Scenografia, Sergio Rossi–Wallpaper*, Milano, 2010, demolito nel 2013. Fotografia: Antonino Cardillo Antonino Cardillo, Come una Scenografia, Sergio Rossi–Wallpaper*, Milano, 2010, demolito nel 2013. Fotografia: Antonino Cardillo Antonino Cardillo, Come una Scenografia, Sergio Rossi–Wallpaper*, Milano, 2010, demolito nel 2013. Fotografia: Antonino Cardillo Antonino Cardillo, Come una Scenografia, Sergio Rossi–Wallpaper*, Milano, 2010, demolito nel 2013. Fotografia: Antonino Cardillo Antonino Cardillo, Come una Scenografia, Sergio Rossi–Wallpaper*, Milano, 2010, demolito nel 2013. Fotografia: Antonino Cardillo Antonino Cardillo, Come una Scenografia, Sergio Rossi–Wallpaper*, Milano, 2010, demolito nel 2013. Fotografia: Antonino Cardillo Antonino Cardillo, Come una Scenografia, Sergio Rossi–Wallpaper*, Milano, 2010, demolito nel 2013. Fotografia: Antonino Cardillo Antonino Cardillo, Come una Scenografia, Sergio Rossi–Wallpaper*, Milano, 2010, demolito nel 2013. Fotografia: Antonino Cardillo Antonino Cardillo, Come una Scenografia, Sergio Rossi–Wallpaper*, Milano, 2010, demolito nel 2013. Fotografia: Antonino Cardillo

Antonino Cardillo, Come una Scenografia, Sergio Rossi‑Wallpaper*, Milano, 2010. Fotografia: Antonino Cardillo


Disegno mobili

Antonino Cardillo, Tavoli e console per Sergio Rossi, pezzi unici, legno tulipier, Milano, 2010. Produzione: Buzzoni

Antonino Cardillo, Tavoli e console per Sergio Rossi, pezzi unici, legno tulipier, Milano, 2010. Produzione: Buzzoni


Referenza del cliente

Di Tony Chambers

Cardillo è uno degli architetti più significativi del nostro tempo. Combina il suo talento con l’interpretazione moderna di Francesco Russo delle calzature classiche ed otterrai un’esperienza di acquisto eccezionale. Questa è una collaborazione entusiasmante e significativa per Wallpaper*, un negozio da non perdere.

Men’s footwear world tour, 2010.


Dati

  • Tempo: feb.‑apr. 2010; demolito nel 2013
  • Luogo: Sergio Rossi, Via Ponte Vetero, 19, Milano, Italia
  • Area: 60 m² (due piani)
  • Tipologia: negozio

  • Tag:
  • ,
  • ,
  • ,

Crediti

  • Progetto di architettura, direzione dei lavori e disegno mobili: Antonino Cardillo
  • Clienti: Sergio Rossi (via Suzanne Trocmé; direttore: Christophe Melard; direttore artistico: Francesco Russo; marketing: Xavier Rougeaux) e Wallpaper* (direttore: Tony Chambers; curatore: Suzanne Trocmé)
  • Contratti: Miriam Romano
  • Fotografia: Antonino Cardillo
  • Testo: Antonino Cardillo
  • Contraente generale: Buzzoni
  • Lampada da terra: Joe Colombo, Oluce

Pubblicazioni selezionate