Antonino Cardillo

Opere di Architettura


GROTTE ED ARCHI



Colore come una Narrazione (Londra 2015) è un'opera di architettura disegnata dall'architetto siciliano Antonino Cardillo per Illuminum Fragrance. Fotografia di Antonino Cardillo.

Colore come una Narrazione* (aria)

LONDRA, Inghilterra — 29 aprile 2015 — Dietro un portale di una strada georgiana di Londra, abita una piccola grotta grigia. Le sue pareti rugate, impresse secondo il gesto della cazzuola dei muratori, indagano la dimensione erotica del costruire.



Verde Crepuscolare (Roma 2014) è un'opera di architettura disegnata dall'architetto siciliano Antonino Cardillo per la galleria d'arte Mondrian Suite. Fotografia di Antonino Cardillo.

Verde Crepuscolare* (acqua)

ROMA, Italia — aprile 2015 — Verde Crepuscolare è una riforma d’interni di una galleria d’arte situata nel quartiere San Lorenzo di Roma. L’uso del colore/testura si ispira alla scena iniziale del libretto Das Rheingold di Richard Wagner che raffigura un’alba verdastra veduta dalla profondità di un fiume.



La Casa della Polvere (Roma 2013) è un'opera di architettura disegnata dall'architetto siciliano Antonino Cardillo: l'ingresso al pomeriggio. Fotografia di Antonino Cardillo.

Casa della Polvere* (terra)

ROMA, Italia — marzo 2013 — In questa casa proporzioni auree e partiti classici celebrano la polvere. Un basamento di cemento color talco sostiene un soffitto d’intonaco rustico del colore della terra cruda: desiderio di antri primordiali, di grottesche rinascimentali, di ninfei in Doria Pamphilj, di facciate quasi Liberty nelle traverse di Via Veneto.



Le sette sculture MIN (Londra 2014) disegnate dall'architetto siciliano Antonino Cardillo esposte al Museo di Sir John Soane. Fotografia di Antonino Cardillo.

MIN al Museo Sir John Soane*

LONDRA, Inghilterra — 13 settembre - 11 ottobre 2014 — Fin dal sepolcro etrusco, ancor prima di comparire quale elemento strutturale nella storia dell’architettura, l’Arco derivò la sua figura dal Fallo. Ispirate al dio egizio della fertilità, le sette sculture MIN indagano l’origine del sacro.



Negozio Arcade (Milano 2012) è un progetto di architettura dell'architetto siciliano Antonino Cardillo. Simulazione di Antonino Cardillo.

Negozio Arcade

MILANO, Italia — aprile 2012 — Il negozio appare al visitatore come un palazzo incantato incastrato dentro un edificio razionalista. Come nei Granai di Meknes o nella Moschea di Cordoba, un susseguirsi di arcate definisce una prospettiva.



Il Caffé Postmoderno (Londra 2011) è una scenografia disegnata dall'architetto siciliano Antonino Cardillo per l'ingresso su Exhibition Road del Victoria and Albert Museum in occasione della mostra sul Postmodernismo.

Caffé Postmoderno al V&A

LONDRA, Inghilterra — settembre 2011 — Il Caffè Postmoderno è un omaggio alla mostra del Victoria & Albert Museum, Postmodernismo: Stile e Sovversione 1970-1990. Come grandi affreschi, due facciate ricordano il legame pre-moderno tra pittura e architettura. Disegni in vinile raffigurano i temi archetipici del timpano e dell’arco.



Casa Modello (Marrakech 2009) disegnata dall'architetto siciliano Antonino Cardillo in occasione del riconoscimento 2009 Wallpaper* Architects Directory.

Una casa modello per il Direttorio Wallpaper*

LONDRA, Inghilterra — febbraio 2009 — Dai Palazzi di Akhenaton ai primi disegni di Mies Van Der Rhoe, la casa a corte mette in discussione la necessità di definire un esterno. L’edificio non è più una singolarità nel paesaggio, ma un cuore vuoto, dove le parti, relazionandosi, inventano un dialogo memore delle città del Maghreb pre-moderne.




ARCHITETTURA COME INTRATTENIMENTO



Antonino Cardillo: Architecture as Entertainment, in Fulcrum, no.77, Architectural Association Press, London, November 18th, 2013.

Fulcrum foglio della Scuola Architectural Association

LONDRA, Inghilterra — 18 novembre 2013 — Tanto tempo fa, l’umanità celebrava il mistero della creazione costruendo grandi case per esseri invisibili chiamati dei. L’architettura trasfigurava alberi e pietre in qualcosa di grandioso e comunicativo. Era linguaggio universale, come la musica, e nelle sue trame si stratificavano tradizioni antichissime.




CASE IMMAGINATE



La Casa Ellisse 1501 (2007) è la prima delle sette case immaginarie disegnate dall'architetto siciliano Antonino Cardillo. Simulazione fotografica di Antonino Cardillo.

I — Casa 1501 Ellisse

ROMA, Italia — marzo 2007 — Presso un pendio roccioso, dietro una folta coltre di pini, abita una casa in forma di torre. Non è tonda, ma la sua forma si dilata verso oriente ed occidente, per accogliere al suo interno la luce calda ed estesa del sole all’alba e al tramonto.



La Casa Voltata (2008) è la seconda delle sette case immaginarie disegnate dall'architetto siciliano Antonino Cardillo. Simulazione fotografica di Antonino Cardillo.

II — Casa Voltata

PARMA, Italia — gennaio 2008 — I silenzi non sono tutti uguali. Il silenzio di una grande navata è differente da quello di una stanza. Ed ancora più diversi possono essere i rumori esterni della campagna percepiti attraverso un grande silenzio.



La Casa delle Convessità (2008) è la terza delle sette case immaginarie disegnate dall'architetto siciliano Antonino Cardillo. Simulazione fotografica di Antonino Cardillo.

III — Casa delle Convessità

BARCELLONA, Spagna — marzo 2008 — Dentro una casa tra incolte radure mediterranee e corrugate pareti di roccia, una luce attraversante, traforata da innumerevoli e strette lame reiterate, scrive e descrive con la sua grafia delebile e mutevole dei muri.



La Casa di Max su un Piccolo Lago (2008) è la quarta delle sette case immaginarie disegnate dall'architetto siciliano Antonino Cardillo. Simulazione fotografica di Antonino Cardillo.

IV — Casa di Max su un Piccolo Lago

NIMES, Francia — luglio 2008 — Spesso la ricerca è un percorso orientato da scelte incoerenti. E la disponibilità agli imprevisti rivela a volte chiavi di comprensione inedite della realtà, la quale, essendo per sua natura costruita da una geografia e da un tempo relativamente infinito, è instabile, insicura, imponderabile.



La Casa della Luna di Cemento (2008) è la quinta delle sette case immaginarie disegnate dall'architetto siciliano Antonino Cardillo. Simulazione fotografica di Antonino Cardillo.

V — Casa della Luna di Cemento

MELBOURNE, Australia — ottobre 2008 — In segreto, ciascuno è attratto da ciò che teme e a volte la paura risveglia desideri inconfessabili. Rimaniamo turbati nel riconoscere che in luoghi remoti del nostro universo interiore alberga anche ciò che in apparenza ci è estraneo.



La Casa dei Dodici (2009) è la sesta delle sette case immaginarie disegnate dall'architetto siciliano Antonino Cardillo. Simulazione fotografica di Antonino Cardillo.

VI — La Casa dei Dodici

MELBOURNE, Australia — maggio 2009 — Le rovine romane tardo antiche hanno ispirato quest'opera: quelle imprevedibili difformità che nel Settecento apparvivano come fantastiche visioni ai viaggiatori europei del Gran Tour.



La Casa Porpora (2009) è la settima delle sette case immaginarie disegnate dall'architetto siciliano Antonino Cardillo. Simulazione fotografica di Antonino Cardillo.

VII — Casa Porpora

PEMBROKESHIRE, Galles — ottobre 2011 — Casa Porpora rappresenta un viaggio inconscio attraverso l’eredità Normanna: quali furono gli scambi tra l’Inghilterra, il Galles, l’Irlanda e la Sicilia?




ALTRE OPERE



Appartamento a Monteverde Vecchio (Roma 2011) disegnato dall'architetto siciliano Antonino Cardillo. Fotografia di Antonino Cardillo.

Appartamento a Monteverde Vecchio*

ROMA, Italia — gennaio 2011 — “La casa corrisponde ad un principio di identità. È materia complessa, fatta di intimità, di praticità e gioco, di ricordi e progettualità. Ascoltare e organizzare nello spazio è stato il senso di una collaborazione. In un’assonanza costruita nel dialogo, Antonino ha compreso un modo di essere, un ritmo.” — Francesco Pignataro



Come una Scenografia (Milano 2010) è un opera di architettura disegnata dall'architetto siciliano Antonino Cardillo per Sergio Rossi e la rivista britannica Wallpaper*. Fotografia di Antonino Cardillo.

Come una Scenografia*

MILANO, Italia — 12 aprile 2010 — L’idea dell’inserimento di un edificio dentro un altro è un tema ricorrente dell’architettura del passato: Dalle medioevali schola cantorum, al Cinquecento di Leon Battista Alberti, alle esperienze barocche delle camere di luce e delle quinte del teatro, sino a giungere ai neoclassici canopies di John Soane.



La Qualità Inesatta (Takarazuka 2010) è un opera di architettura disegnata dall'architetto siciliano Antonino Cardillo per Nomura Koumuten Corporation di Osaka. Fotografia di Antonino Cardillo.

La Qualità Inesatta*

TAKARAZUKA, Giappone — marzo 2010 — Due sistemi ortogonali trovano il loro raccordo formale sul terzo lato sulla strada, definendo in alzato una forma sfaccettata e scultorea. Le diverse facce della forma mutano intensità luminosa a seconda dell’incidenza del sole. All’interno, nel secondo livello, un ampio salone poligonale di sette lati possiede la qualità inesatta di certe piazze medievali italiane.



L'Isola di Birnbeck (Weston-Super-Mare 2007) è una proposta progettuale disegnata dall'architetto siciliano Antonino Cardillo in occasione di un concorso bandito dal Royal Institute of British Architects.

Isola di Birnbeck

WESTON-SUPER-MARE, Inghilterra — ottobre 2007 — Un basamento curvato ad imitazione di un vascello accoglie elementi vecchi e nuovi. Una collezione di torri, sulla cui sommità abitano finestre quadrate che ritagliano il mare, definiscono come la memoria di una moltitudine di fari.



Δρέπανον (Trapani 2001). Proposta progettuale dell'architetto siciliano Antonino Cardillo per un complesso edilizio su una banchina ideata durante l'elaborazione della sua tesi di laurea alla Facoltà di Architettura di Palermo.

Δρέπανον

TRAPANI, Sicilia — dicembre 2001 — Il villaggio nasce dalla città. Da una banchina ramifica un susseguirsi di percorsi curvati, a seguire il vento, come le vie di Trapani. Ciascun percorso orienta la forma degli edifici. Le forme risuonano le une nelle altre, come in una città antica, dove la vita ed il tempo sedimentano tracce sulla terra.




biografia

opere

esposizioni

un’antologia

bibliografia

contatti

English · Italiano


All rights reserved © Antonino Cardillo